Alcuni giorni prima di Pasqua, mi è giunta improvvisa la notizia che una carissima amica italiana, residente a Mosca, purtroppo era stata ricoverata d’urgenza in ospedale per gravi fratture vertebrali dolorosissime. A motivo della difficoltà ad intraprendere con urgenza cure adeguate, con alcuni amici e conoscenti si è valutata l’opportunità di farla rientrare in Italia al più presto. Tutti i voli di linea erano bloccati a motivo del Coronavirus. Ci siamo
rivolti ad alcune compagnie private di trasporto con aeroambulanza e dopo un’attenta valutazione ho proposto di utilizzare Volitalia. Abbiamo scelto questa compagnia in quanto si è resa immediatamente disponibile ad effettuare il volo con un costo e servizio che abbiamo giudicato adeguato. Questo operatore mi ha convinto da subito per la serietà e prontezza messa in campo nell’affronto di questa emergenza. Ho potuto interloquire in
continuazione per pianificare il volo, svolgere tutte le pratiche e adempimenti necessari richiesti dalle autorità mediche ed aeronautiche. Il volo pertanto è stato pianificato, organizzato e realizzato con grande rapidità. Il giorno giovedì 9 aprile, la mia amica prelevata dall’ambulanza all’aeroporto di Mosca, veniva caricata sul jet messo a disposizione da Volitalia e presa in carico dal personale medico di bordo. L’arrivo a Linate
è avvenuto dopo circa tre ore di volo, volo che ho potuto seguire con l’applicazione Flightradar24. Giunta a Linate, era ad attenderla un’altra ambulanza. L’ho sentita subito al telefono e mi ha rassicurato circa il volo, che è stato molto confortevole e sempre con
sorveglianza medica. Il velivolo impiegato, un Learjet 65 allestito come aeroambulanza, era equipaggiato con tutte le attrezzature mediche necessarie per ogni emergenza. Sono grato a Volitalia per tutto l’impegno e l’ottima qualità del servizio offerto in questa circostanza in cui l’aspetto umanitario e sanitario era decisivo per la buona riuscita di questa missione.

Go Top